CITTA'STORICHE

              UNESCO,PATRIMONIO

                                     DI PACE

UNESCO HISTORIC

CITIES, HERITAGE

OF PEACE

rotary-international.png

Segreteria Permanente

Rotary_International_Emblem_2013.png

c/o Rotary Club Urbino

Dott. Roberto Imperato

Tel. 3404056226

Segreteria Permanente

Commissione

Distretto 2090 Unesco

Commissione

Distretto 2090

Unesco

Rotary_International_Emblem_2013.png

P.D.G. Mauro Bignami

Roberto Imperato - Segreteria Operativa

Michele Papi

Sebastiano Giovannelli

Marco Paladini

  • Facebook
  • YouTube
 
RITORNO AL FUTURO_ 7 luglio ore 1900_001

Il Progetto

 
Logo_Creator__print (1).png
Urbino-2-1920-1080.jpg

Il Rotary Club Urbino, con il patrocinio e il sostegno del Distretto 2090 del Rotary International, ha organizzato il primo convegno dei centri storici europei dichiarati dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità che si è tenuto nella città ducale nei giorni 20-21 aprile 2013.

La Convenzione per la Protezione del Patrimonio Culturale e Naturale, siglato da 175 Stati Membri dell’UNESCO nel 1972 fu un passo storico per la conservazione di monumenti, paesaggi, valori e tradizioni che appartengono al pianeta e la protezione dal quale trascendono interessi nazionali.

Abbiamo l’impegno morale affinché il patrimonio planetare sia trasferito integro alle generazioni future rispettando quanto dichiarato nell’art. 5 della Convenzione, “Assicurare la protezione e la conservazione più efficace possibile e la più attiva promozione del patrimonio culturale e naturale …” che è stato affidato a noi.

Da questi presupposti è nato il primo convegno UNESCO HISTORIC CITIES, PATRIMONIO DI PACE’, un titolo per essere in sintonia con lo slogan del Presidente Rotary International 2012-2013 Sakuji Tanaka ‘LA PACE ATTRAVERSO IL SERVIZIO’. Primo convegno perché da subito ci si è impegnati affinchè l’evento fosse itinerante e durasse nel tempo con cadenza biennale, toccando i centri storici europei dichiarati dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità.

Obiettivo principale del convegno è quello di costruire, di concerto con tutti i club coinvolti una sorta di vademecum che riporti le caratteristiche, i problemi, le necessità ma anche le potenzialità che ogni centro storico esprime.

Una sinergia e una collaborazione tra i Club Rotary che si sono impegnati a perseguire i seguenti scopi comuni:

 

  1. I Rotary Club inseriti nei siti Unesco individuati si impegneranno a sostenere le direttive che ogni anno l’Unesco diffonde;

  2. I Rotary Club adotteranno, ogni anno, tutte le iniziative possibili per sostenere l’immagine dei propri centri storici nel rispetto dei principi fissati dall’Unesco;

  3. In tal senso, ai lavori del convegno sarà chiesta la partecipazione di esperti dell’Ufficio Centrale dell’Unesco per conoscere le direttive, i progetti, le iniziative, le opportunità che l’organismo internazionale programma a favore della valorizzazione dei centri storici;

  4. Valorizzare e promuove i siti dichiarati patrimonio dell’Umanità dall’Unesco costruendo una rete di relazione tra i Rotary Club presenti nelle città coinvolte nel progetto.

 

A questo sono state associate delle attività che contribuissero a lasciare traccia degli impegni presi:

  1. Ogni Club costruisce una guida (cartacea e digitale) impostata sulle descrizioni e gli indicatori utilizzati dall’Unesco per dichiarare il sito storico Patrimonio dell’Umanità. Alla guida va associata una mappa con specifici itinerari che mettano in evidenza le principali emergenze monumentali, storiche e ambientali individuate dall’Unesco. Una parte della guida deve contenere una serie di informazioni pratiche affinché il turista (rotariano e non) possa organizzare il proprio viaggio nella maniera più confortevole;

  2. Tutti i Club contribuiscono alla realizzazione di un sito web, accessibile attraverso un link da inserire nel proprio sito, dove sono riuniti tutti i contenuti delle varie guide digitali prodotte. Ma diventerà l’archivio di tutti i documenti e gli studi che trattano il tema dei centri storici riconosciuti dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità. Questa è la chiave per stabilire una grande rete fra i vari Club di ogni parte d’Europa e per far conoscere le attività di studio svolte soprattutto da giovani studenti europei . Il sito sarà aggiornato regolarmente.

 

Agli argomenti trattati nel convegno sarà associato, ogni due anni, un tema dal quale deriveranno azioni concrete che i Rotary Club destineranno alla valorizzazione dei propri centri storici e per lasciare memoria di questo service di collaborazione rotariana.